Ispirazioni

Siccome è lecito sognare, elenco dei modelli che mi piacerebbe tantissimo saper fare, prima o poi.
Sarà perché la creatrice è piuttosto in carne, ma mi viene da pensare “oh finalmente un modello che mi starebbe bene”. in fondo io sono anche un pochino più magra di lei ;) (ma forse anche più tappa…)
Questa è la sua pagina su Raverly: http://www.ravelry.com/patterns/search#sort=best&craft=knitting&query=Valentina Cosciani
Questo si chiama Nero di Seppia (e non lo farei nero ma solo perché lavorare il nero è un incubo, non ci vedo abbastanza bene)
20120930_0260_medium

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo invece è un vestito ed è bellissimo, ma non avrei mai il coraggio:
oiella_124bis_medium2
Però si può fare anche nella versione a maglietta:
oiella_065bis_medium2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E infine un cardigan chiamato Spaghetti (per via del ricamo sulla schiena, di cui potrei anche fare a meno, faccio casino a fare un dritto e un rovescio figuriamoci a fare un disegno…)
spaghetti_42_medium

 

 

 

 

 

 

 

 

Poi in queste foto sorride sempre e mi piace che faccia da modella a ciò che ha inventato e disegnato!
 

 

 
Passiamo a Emma Fassio:
Nascosto
8638870185_ac7efe794f_z

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Maria Grazia nonostante sia così poco simmetrico…
7334048826_112e504823_z

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

anche se, magari, sarebbe meglio iniziare dal Modello Maglia base
14461294091_25a3f64031_z
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In realtà io e i ferri per il momento non abbiamo un rapporto proprio serenissimo. Non so perché ma non li ho mai praticati molto e mi hanno sempre trasmesso una certa ansia, sul genere “Oddio e se poi mi cade una maglia?”. L’uncinetto da questo punto di vista è più rilassante, c’è un’unica maglia e se anche “la perdi” non succede niente.
Però questo nuovo tentativo mi ha dato un po’ più di fiducia. Mi pare che funzioni un po’ meglio rispetto ai precedenti. So fare perfino la costa inglese, ora :) (ma devo fare moooolta attenzione a fare i punti giusti e a non invertire l’ordine) e riesco a tenere la mano più morbida.
Per allenarmi sto facendo un Baktus, che sarebbe una sciarpa di forma triangolare che si inizia con 4 maglie e poi si aumenta man mano, un aumento ogni 4 ferri. Le istruzioni dicono che alla fine del gomitolo si è a metà ed è ora di iniziare a diminuire: una diminuzione ogni 4 ferri, fino a tornare alle 4 maglie iniziali. Quindi con due gomitoli senza avanzi dovrebbe funzionare. Il condizionale è d’obbligo, visto che sono a circa un quarto del lavoro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Navigation